Sei un caregiver e non lo sai?

By : admin |Novembre 19, 2018 |News |0 Comment

La nuova proposta di Andromedia per sviluppare gli skills personali necessari per non essere travolti dal ruolo nuovo ed inaspettato che si materializza in presenza di un familiare affetto da deficit cognitivo.

Fin da piccoli, di fronte ad un problema, siamo stati invitati a “ragionare” per poterlo risolvere. E se il problema è di tipo relazionale, magari con l’esperienza abbiamo capito che il primo e costruttivo passo da fare è “parlarne”.
Nello scambio relazionale spesso facciamo anche riferimento ad esperienze condivise passate che hanno la funzione di gettare un ponte verso la soluzione del problema.
Ragionare, analizzare, parlare, argomentare, ricordare, sono “metodologie” che, così come le abbiamo usate sino ad ora, vanno in frantumi con una persona affetta da deficit cognitivo.
Sappiamo che l’Alzheimer, così come altre forme di demenza, nei prossimi anni costituirà una realtà importante con la quale ogni famiglia si dovrà direttamente o indirettamente confrontare.
Andromedia ha studiato gli effetti che la gestione di un familiare affetto da deficit cognitivo si ripercuotono su chi gli sta vicino e se ne prende cura: sul caregiver.

Il cammino della consapevolezza, dalla fase del rifiuto all’accettazione del ruolo, passando attraverso rabbia, paura, incredulità e tanto, tanto stress e sovraccarico emozionale.

Le regole relazionali abituali non valgono più e vincere il senso di frustrazione ed inadeguatezza che ne consegue rappresenta un passo fondamentale per ricoprire con efficienza e resilienza il ruolo di caregiver.

Non scegli di diventare un caregiver: questo ruolo ti cade addosso, spesso all’improvviso, invadendo gli spazi di una vita già piena. E non si può aiutare qualcuno senza prima puntellare se stessi, senza crearsi degli ancoraggi sicuri, senza essere consapevoli delle proprie emozioni.

Attraverso un percorso modulare, che affronta i molteplici aspetti dell’essere caregiver, Andromedia  propone un cammino per confrontarsi con una delle principali sfide che si prospettano nel futuro di quasi tutti noi, per essere consapevoli, per essere pronti, per aiutarsi ad essere di aiuto.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*